RICEVIMENTO

Un bel tavolo, ben apparecchiato e invitante, è il frutto di molteplici sinergie: l’osservanza delle regole dell’ospitalità, la ricerca culinaria, l’attenzione al dettaglio e la cura stilistica.

La tavola non va più pensata in senso canonico, con la sola presenza di un centrotavola. Il centrotavola deve, piuttosto, diventare parte di una scenografia e occupare lo spazio che gli spetta, anche a scapito delle simmetrie. Va focalizzata l’attenzione sull’apparecchiatura (il ltovagliato,e gli accessori), l’atmosfera, lo stile (classico, romantico,etnico, casual, creativo, barocco,minimalista…), i caratteri e i colori, i materiali ( stoffa, carta, stuoie, legno, metallo,plastica, vetro…), l’illumniazione, gli abbinamenti (dei fiori con il menù, l’ambiente, l’occasione)e le tecniche di composizione.

L’importanza del centrotavola non va affatto sottovalutata. A volte è sufficiente una composizioneazzeccata per riempire lo spazio più di qualsiasi altro allestimento sofisticato. Candide rose bianche,fili di Amaranthus e rametti di pino su un lucido vassoio bastano, senza dubbio, a colmare la distanza tra i due piatti e promuovere un bel brindisi.

Una giovane sposa è come una piccola principessa. La sua tavola non può che tingersi di tenui colori, riflettersi nel cristallo e scintillare di minuscoli bagliori. Una sensazione di armonia invade lo spazio, illuminato non solo dalle candele, ma anche dalla luminosità degli elementi.fiorista_piacenza_provincia_ricevimento.JPG

Annunci